La sdraio…

Sembra che la giunta pentastellata abbia intenzione di chiudere l’anello ferroviario alle auto dal 2018 permettendo l’accesso solo con bonus e pedaggi.L’annuncio e’ del presidente della commissione Mobilità, Enrico Stefàno. Obiettivo: “Abbattere del 10% la presenza di veicoli privati”

L’idea, in realtà, non è nuova. Il cosiddetto ‘Ecopass’ era stato inserito dall’ex assessore ai Trasporti della Giunta di Ignazio Marino, Guido Improta, nel Piano generale del traffico approvato il 17 aprile del 2015 dal Consiglio comunale.

I cittadini romani avranno un pacchetto di 150 ‘bonus’ terminati i quali sarà obbligatorio il pagamento di un pedaggio. Il costo varierà in base all’impatto ambientale del veicolo e alla fascia oraria (due bonus scalati nelle ore di punta, solo uno in orari non di massimo afflusso). Nei piani c’è anche la realizzazione di un’apposita App tramite la quale il cittadino potrà conoscere i bonus consumati. Abbattenfo del 10% la presenza di veicoli privati all’interno dell’anello ferroviario, aumenterebbe la velocità commerciale degli autobus.

Bene ne siamo felici sperando che inizino prima a sparire pero se si e’ coerenti, dalle nostre strade le fastidiose reti arancioni che tanto complicano l’accesso alla citta ( come quella esistente da mesi sul ponte del laghetto dell’eur che crea code interminabili ) e nel contempo ci chiediamo perche legare la possibilita di accesso ulteriore ( dopo l’esaurimento dei bonus ) alla capacita economica del poter acquistare bonus ulteriori.

Social
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti