Aspettando il re – di Paolo Montesi

Il cinquantenne Alan Clay (Tom Hanks) viene spedito in Arabia Saudita dalla società informatica per la quale lavora, a concludere con il re l’affare del secolo: un sistema di teleconferenze olografiche. Ma lo aspetta una sconvolgente verità: non solo la città avveniristica in cui deve incontrare il re è un cantiere a cielo aperto, in mezzo al deserto pieno di operai impegnati a sonnecchiare, ma il re e i funzionari che avrebbero dovuto riceverlo, sono assenti da ormai molti mesi. Estenuato dai lunghi tempi di attesa, Clay si lascia andare e mentre impara a conoscere la città attraverso lo sguardo dell’autista Yousef (Alexander Black) e della bella dottoressa Zahra (Sarita Choudhury) impara a conoscere un nuovo modo di vivere. Questo viaggio di lavoro programmato per incontrare l’inafferrabile sovrano, diventa anticamera di un’esperienza culturale straordinaria, che lo porta a desiderare una nuova possibilità in quella terra.
Il film pero non decolla mai asfittico e stereotipato senza veramente entrare in profondita. Un prodotto estivo senza grandi qualità.

DATA USCITA: 15 giugno 2017
GENERE: Drammatico
ANNO: 2016
REGIA: Tom Tykwer
ATTORI: Tom Hanks, Tom Skerritt, Sarita Choudhury, Sidse Babett Knudsen, Alexander Black, Dhaffer L’Abidine, Michael Baral
SCENEGGIATURA: Tom Tykwer
FOTOGRAFIA: Frank Griebe
MONTAGGIO: Alexander Berner
MUSICHE: Johnny Klimek
PRODUZIONE: X-Filme Creative Pool, 22h22, Fábrica de Cine
DISTRIBUZIONE: Lucky Red
PAESE: Germania, USA, Gran Bretagna, Francia
DURATA: 98 Min

Vai alla barra degli strumenti