La Traviata a modo mio – 3a puntata di Alessandra Sistopaoli

Arrivo alla festa di Flora, è tutto così sontuoso… si avvicina il carnevale, avevo dimenticato. Il barone mi ha accolto entusiasta e si è offerto spontaneamente di accompagnarmi.

Non vista, ascolto Flora che spettegola con i suoi amici: Ho preparato per voi un paio di sorprese! Ho invitato anche Violetta e Alfredo!

Si intromette il Marchese: Come! Non sapete la novità? Si sono lasciati!

– Davvero?!

– Sì! Violetta verrà  qui con il barone Douphol!

Il dottore ricorda: Ma come! Li ho visti ieri, sembravano così felici!

Certo che eravamo felici, troppo! Vorrei gridare.

Flora, per fortuna, interrompe le chiacchiere: Silenzio! Arrivano gli amici!

Ed ecco, appaiono alcune zingare, che si presentano e leggono la mano a Flora ed al Marchese. A quanto dicono, Flora ha diverse rivali (e lo credo! Bella ed intelligente com’è…) e sembra che il Marchese le metta le corna (non avevo dubbi su quel porco!). Lei di certo non si fa mettere i piedi in testa e lo riduce un pizzico davanti a tutti, minacciandolo di vendetta se viene a scoprire qualcosa.

Le zingare hanno appena finito di combinare il guaio, che si presenta un gruppo di toreri, direttamente da Madrid! Raccontano la storia di Piquillo, che per conquistare la sua amata ha ucciso cinque tori in un sol giorno. Ma che diamine c’entravano i poveri tori se quello era innamorato di una ragazza andalusa? Mi sento come uno di loro, innocente vittima della follia altrui!

Finite le danze, mentre tutti si apprestano ai tavoli da gioco, ecco appare Alfredo.

Il cuore impazzisce. VOGLIO abbracciarlo, toccarlo, baciarlo!

E invece rimango paralizzata al braccio del barone, che mi trascina nella sala. Alfredo non risparmia il sarcasmo nei miei confronti. Se sapessi, amore mio! Il barone mi difende, Alfredo continua a provocare, e a vincere a carte. Dice che vuole portarmi in vacanza, con il denaro vinto a Douphol! So che finirà  in un duello, e tremo.

Mando a chiamare Alfredo, lo voglio mettere in guardia e fargli capire che temo per la sua incolumità; non saprei perdonarmi se gli succedesse qualcosa, già  troppo male gli ho fatto! Mi chiede di tornare con lui, come faccio a spiegargli che ho fatto un giuramento?    – Fu Douphol? – Incalza.

Mi assale la nausea, ma riesco a tirare fuori un sì..

– Allora lo ami?

Ancora! Sì, lo amo. 

La sua rabbia è incontenibile, chiama tutti gli invitati e urla loro che io per lui ho venduto tutti i miei averi. Di sicuro non vuole farsi mantenere da una donna! E davanti a tutti, MI PAGA! Proprio come si paga una puttana!

Mi sento cadere, i rumori svaniscono, le luci si spengono…

Amore mio, un giorno saprai quanto ti ho amato, ti ho amato al punto tale da sopportare il tuo disprezzo… un giorno lo saprai, e quel giorno Dio ti salvi dai rimorsi! Io, da lassù, ti amerò sempre…

TUTTI Alfredo! Voi!

ALFREDO Sì, amici

FLORA Violetta?

ALFREDO Non ne so.

TUTTI Ben disinvolto! Bravo! Or via, giuocar si può.

( Violetta entra al braccio del Barone.)

FLORA Qui desiata giungi.

VIOLETTA Cessi al cortese invito.

FLORA Grata vi son, barone, d’averlo pur gradito.

BARONE (piano a Violetta) Germont è qui! il vedete!

VIOLETTA Ciel! gli è vero. Il vedo.

BARONE Da voi non un sol detto si volga a questo Alfredo.

VIOLETTA (fra sé) Ah, perché venni, incauta! Pietà di me, gran Dio!

FLORA  Meco t’assidi: narrami quai novità  vegg’io?

ALFREDO Un quattro!

GASTONE Ancora hai vinto.

ALFREDO Sfortuna nell’amore vale fortuna al giuoco! (Punta e vince)

TUTTI  E’ sempre vincitore!

ALFREDO Oh, vincerò stasera; e l’oro guadagnato                                                           Poscia a goder tra’ campi ritornerò beato.

FLORA Solo?

ALFREDO No, no, con tale che vi fu meco ancor, poi mi sfuggia

VIOLETTA (fra sé) Mio Dio!

GASTONE  Pietà  di lei!

BARONE (ad Alfredo, con mal frenata ira) Signor!

VIOLETTA (al Barone) Frenatevi, o vi lascio.

ALFREDO (disinvolto) Barone, m’appellaste?

BARONE Siete in sì gran fortuna, che al giuoco mi tentaste.

ALFREDO (ironico) Sì? la disfida accetto

VIOLETTA (fra sé) Che fia? morir mi sento.

BARONE (puntando) Cento luigi a destra.

ALFREDO (puntando) Ed alla manca cento.

GASTONE Un asso, un fante, hai vinto!

BARONE Il doppio?

ALFREDO Il doppio sia.

GASTONE  Un quattro, un sette.

TUTTI Ancora!

ALFREDO Pur la vittoria è mia!

CORO Bravo davver! la sorte è tutta per Alfredo!

FLORA Del villeggiar la spesa farà  il baron, già  il vedo.

ALFREDO (al Barone) Seguite pur.

SERVO La cena è pronta.

FLORA Andiamo

CORO  Andiamo.

ALFREDO  Se continuar v’aggrada

BARONE Per ora nol possiamo: più tardi la rivincita.

ALFREDO Al gioco che vorrete.

BARONE Seguiam gli amici; poscia

ALFREDO Sarò qual bramerete.

https://youtu.be/zTuE-4Aekcg

VIOLETTA Invitato a qui seguirmi, Verrà  desso? vorrà  udirmi?                                           Ei verrà , che l’odio atroce puote in lui più di mia voce

ALFREDO Mi chiamaste? che bramate?

VIOLETTA Questi luoghi abbandonate! Un periglio vi sovrasta

ALFREDO Ah, comprendo! Basta, basta E sì vile mi credete?

VIOLETTA Ah no, mai

ALFREDO Ma che temete?. .

VIOLETTA Temo sempre del Barone

ALFREDO E’ tra noi mortal quistione!                                                                                     S’ei cadrà  per mano mia                                                                                                             Un sol colpo vi torria                                                                                                                  Coll’amante il protettore: v’atterrisce tal sciagura?

VIOLETTA Ma s’ei fosse l’uccisore? Ecco l’unica sventura                                                  Ch’io pavento a me fatale!

ALFREDO La mia morte! Che ven cale?

VIOLETTA Deh, partite, e sull’istante.

ALFREDO Partirò, ma giura innante                                                                                            Che dovunque seguirai i passi miei

VIOLETTA Ah, no, giammai.

ALFREDO No! giammai!

VIOLETTA Va’, sciagurato.                                                                                                     Scorda un nome ch’è infamato.                                                                                                  Va’ mi lascia sul momento                                                                                                            Di fuggirti un giuramento                                                                                                               Sacro io feci

ALFREDO E chi potea?

VIOLETTA Chi diritto pien ne avea.

ALFREDO Fu Douphol?

VIOLETTA (con supremo sforzo) Sì.

ALFREDO Dunque l’ami?

VIOLETTA Ebben l’amo!

ALFREDO (Corre furente alla porta e grida ) Or tutti a me!

TUTTI Ne appellaste? Che volete?

ALFREDO  Questa donna conoscete?

TUTTI Chi? Violetta?

ALFREDO Che facesse nol sapete?

VIOLETTA Ah, taci

TUTTI No.

ALFREDO Ogni suo aver tal femmina                                                                                      Per amor mio sperdea                                                                                                                    Io cieco, vile, misero,                                                                                                                    Tutto accettar potea,                                                                                                                          Ma è tempo ancora! tergermi                                                                                                          Da tanta macchia bramo!                                                                                                                  Qui testimon vi chiamo                                                                                                                     Che qui pagata io l’ho.                                                                                                                        (Getta con furente sprezzo il denaro ai piedi di Violetta, che sviene. In tal momento entra il padre.)

TUTTI Oh, infamia orribile Tu commettesti!                                                                           Un cor sensibile Così uccidesti!                                                                                                     Di donne ignobile insultator,                                                                                                          Di qui allontanati, Ne desti orror.

GERMONT  Di sprezzo degno se stesso rende                                                                             Chi pur nell’ira la donna offende.                                                                                                   Dov”è mio figlio? Più non lo vedo:                                                                                              In te più Alfredo – trovar non so.                                                                                                 (fra sé) Io sol fra tanti so qual virtude                                                                                         Di quella misera il sen racchiude                                                                                                 Io so che l’ama, che gli è fedele,                                                                                                      Eppur, crudele, – tacer dovrò!                                                                                             ALFREDO (tra sé) Ah sì che feci! ne sento orrore.                                                                   Gelosa smania, deluso amore                                                                                                      Mi strazia l’alma più non ragiono.                                                                                              Da lei perdono – più non avrò.                                                                                                     Volea fuggirla non ho potuto!                                                                                                      Dall’ira spinto son qui venuto!                                                                                                      Or che lo sdegno ho disfogato,                                                                                                         Me sciagurato! – rimorso n’ho.

VIOLETTA (riavendosi) Alfredo, Alfredo, di questo core                                                        Non puoi comprendere tutto l’amore!                                                                                       Tu non conosci che fino a prezzo                                                                                                    Del tuo disprezzo – provato io l’ho!                                                                                             Ma verrà  giorno in che il saprai                                                                                                Com’io t’amassi confesserai                                                                                                          Dio dai rimorsi ti salvi allora;                                                                                                 Io spenta ancora – pur t’amerò.

BARONE (piano ad Alfredo) A questa donna l’atroce insulto                                                  Qui tutti offese, ma non inulto                                                                                                      Fia tanto oltraggio – provar vi voglio                                                                                          Che tanto orgoglio – fiaccar saprò.

TUTTI (a Violetta) Ah, quanto peni!                                                                                           Ma pur fa core                                                                                                                                 Qui soffre ognuno del tuo dolore;                                                                                                  Fra cari amici qui sei soltanto;                                                                                                  Rasciuga il pianto – che t’inondò.

Social
  •  
  •  
  •  

Redazione

Post prodotti dalla nostra redazione.

Vai alla barra degli strumenti