Sellero e Ventesca due. L'(a)matriciana

Noi siamo dei cultori dell'(a)matriciana e questo locale ci ha impressionati per l’esecuzione di questo piatto, che pur essendo di origine reatina è considerato un classico della cucina romana. Questa è la foto che abbiamo scattato dell'(a) matriciana che ci ha deliziato il palato.

Come vedete anche la presentazione è curata nei particolari. La ricetta originale di amatrice prevede spaghetti, guanciale di Amatrice, pomodori San marzano, vino bianco Olio E.V.O. e pecorino di Amatrice. Ma quello che fa elevare una “matriciana” ben eseguita da posticce esecuzioni è la cottura del guanciale che non deve essere croccante al contrario della pancetta della Carbonara, ma seguire dolcemente lo sfrigolare in padella del vino bianco che la prepara ad affogare nella salsa rosso sangue del San marzano. E qui è tutto nella regola.

Il ristorante ha anche altro all’altezza ma noi ve lo consigliamo in particolare per questa che a nostro avviso è la migliore esecuzione che abbiamo gustato a Roma.

Via Lidia, 40 Roma


Social
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti