Haiku on a Plum tree

Haiku on a Plum tree è un docufilm sulla famiglia Maraini, su Fosco e Topazia, due straordinari e coraggiosi ragazzi italiani che alla fine degli anni ‘20 si innamorano ed esplorano, con una libertà inusitata all’epoca, il mondo. Hanno una gioia di vivere che li fa risplendere agli occhi di chi li osserva. Sono sfrontati, “moderni”, curiosi, intellettuali. Amano la poesia, la musica, ritrovarsi tra amici. Nell’epoca  in cui vivevano già solo questo poteva portare alla repressione della libertà personale. Fosco vince una borsa di studio sullo studio della popolazione giapponese e parte, con lui Topazia, con un sogno di libertà . In questa nuova casa si sentono liberi, liberi di amarsi, di vivere e di svolgere le loro attività in grande armonia. Un giorno accade che il Giappone entra in guerra alleato della Germania e dell’Italia di Mussolini. Gli italiani e tutti gli europei che non erano in accordo con il pensiero fascista vengono catturati ed esiliati. Qui inizia una pagina di storia che pochi conoscono. Dei campi di concentramento giapponesi non se ne è quasi mai parlato, eppure sono esistiti e il “Diario di Topazia”’ ce lo racconta. Topazia Alliata, donna nobile siciliana che lascia la sua amata terra per andare incontro alla vita con Fosco Maraini. Dacia, Toni e Yuki, le loro tre figlie, vivranno con loro questo atroce momento storico fatto di torture, fame, paura.

A raccontarcelo è Mujah Maraini-Melehi, figlia di Toni (Antonia) Maraini e nipote di Fosco e Topazia. Muja ripercorre e rielabora, attraverso i racconti del Diario di Topazia e la testimonianza di quest’ultima (Topazia morirà nel 2015 a 102 anni solo pochi giorni dopo il ritorno della nipote dal Giappone, ha atteso il suo ritorno per poterla salutare per l’ultima volta), il periodo vissuto in Giappone da sua madre , dalle sue zie e dai nonni, sia quello lieve dell’integrazione con la popolazione, sia quello grave della guerra. Il film, impregnato d’amore,  è ricco di poesia, arricchito dalle scenografie  ispirate al teatro degli schermi giapponesidogugaeshi realizzate da Basil Twist e dalla musica originale del Premio Oscar Ryuchi Sakamoto.
Ieri nel Centro Culturale Apollo 11 di Roma c’erano Toni e la sua amata figlia Muja a raccontarcelo. Incontrare queste donne e abbracciarle per me è stato un onore.
Social
  •  
  •  
  •  

Susanna Marilungo

Biologa, Master in Nutrizione, Counselor della Gestalt. Proveniente da una famiglia contadina e da sempre appassionata di fitoterapia.

Vai alla barra degli strumenti