Coronavirus, All’Italia 11 miliardi di fondi europei

Prende la parola Ursula von der Leyen, la presidente della Commissione europea. La Cina «ci sta mandando due milioni di mascherine da sala operatoria, altre duecentomila di sicurezza e cinquantamila tamponi per il coronavirus. Li invieremo dove c’è più bisogno nell’Ue, cioè in Italia. Le spediremo entro la settimana prossima», dice la presidente della Commissione europea al Tg1, annunciando di «avere una buona notizia».

APPROFONDIMENTI
«Abbiamo un’iniziativa per gli investimenti. Perchè ci sono fondi strutturali inutilizzati. L’Italia ce li avrebbe dovuti restituire: abbiamo deciso invece di lasciarveli, per spenderli dove saranno più utili. Per esempio sul mercato del lavoro. Sono undici miliardi». Così la presidente della Commissione.

«Dobbiamo concedere nuovi prestiti con un aumento del debito pubblico. Il Patto di stabilità concederà la massima flessibilità all’Italia», annuncia Ursula von der Leyen, aggiungendo che ci sarà anche «la massima flessibilità sugli aiuti di stato». «È importante – spiega – perché così l’Italia potrà investire nella sanità, nel turismo, nei trasporti, a beneficio delle Pmi».

Christine Lagarde. L’ampio pacchetto di misure varato dalla Bce fra il consiglio della scorsa settimana e la riunione straordinaria della scorsa notte «sottolinea la determinazione della Bce a fare la sua parte per sostenere ogni cittadino dell’area dell’euro in questo momento di estrema difficoltà. La Bce assicurerà che tutti i settori dell’economia possano beneficiare di condizioni di finanziamento favorevoli, che consentano loro di assorbire questo shock». Lo scrive la presidente della Bce, Christine Lagarde, in un editoriale su Repubblica.