40 anni fa moriva Alfred Hitchcock

 

Il 29 aprile 1980 – Nato a Leytonstone, quartiere nord-orientale di Londra, Alfred Hitchcock è ricordato tra i più grandi maestri della storia del cinema e come il padre del genere thriller.
Cominciò l’attività di regista nel periodo del cinema muto, realizzando ventitré pellicole tra cui L’uomo che sapeva troppo(1934), la sua prima spy-story che insieme ad altri film lo imposero all’attenzione internazionale.
L’approdo ad Hollywood nel 1940 gli spalancò immediatamente la strada verso la consacrazione come “maestro del brivido”: la prima pellicola made in USA Rebecca, la prima moglie venne premiata con due Oscar (“miglior film” e “migliore fotografia”).
Fu soltanto il primo capitolo di una «filmografia abbagliante», per dirla con il regista francese Francois Truffaut, costellata di capolavori quali La finestra sul cortile (1954), La donna che visse due volte (1958), Psycho (1960), Gli Uccelli (1963).
Premiato con l’Oscar alla memoria Irving G. Thalberg per i suoi indubbi meriti artistici, Hitchcock morì nella sua casa di Bel Air, a Los Angeles, il 29 aprile del 1980.

Hitchcock e Truffaut, la strana coppia