MANLIO DOVI’ E “LA STRANISSIMA COPPIA”

MANLIO DOVI’ E “LA STRANISSIMA COPPIA”
Era tanto che lo seguivamo artisticamente e finalmente è arrivato il momento di incontrarlo.
Manlio Dovì apre la nuova stagione al Teatro Manzoni con “ La Stranissima Coppia ” accanto alla
bravissima Patrizia Pellegrino , commedia brillante scritta e diretta da Diego Ruiz . Il primo incontro
tra un uomo ed una donna fa scattare una serie di problematiche in cui il pubblico sicuramente si
potrebbe riconoscere ed infatti viene premiata la voglia del Direttore Artistico del Manzoni Pietro
Longhi di ripartire con tutte le dovute precauzioni. Una delle poche volte in cui l’attore siciliano
interpreta un personaggio e non una imitazione come era accaduto spesso in passato. Infatti
ricordiamo che Manlio aveva iniziato a farsi conoscere nel 1986 chiamato da Pippo Baudo in quel
“ Fantastico ” ma l’anno successivo inizia la sua militanza con la compagnia del Bagaglino di Pier
Francesco Pingitore . Non si contano i tantissimi personaggi portati sulla scena accanto a nomi
come Pippo Franco , Leo Gullotta , Oreste Lionello e molti altri. “ I primi anni sono stati duri perché
il teatro è un insieme di regole da rispettare e per me è stata scuola e divertimento accanto ad
Oreste Lionello : io ridevo ed imparavo, ridevo ed imparavo… E lo sforzo di memoria che si faceva
perché in quel periodo si faceva teatro e si registrava a parte la puntata TV… Così sono riuscito ad
acquisire una tecnica di memorizzazione anche gestuale e questa cosa mi è rimasta e così oggi
faccio quello che faccio. ” Ricordiamo tra le sue imitazioni più famose quelle di Francesco Cossiga,
Vittorio Sgarbi, Luca Giurato, Carlo D’Inghilterra, Umberto Bossi, Gad Lerner, Piero Fassino, tutte
basate sulla simpatia ed ironia tanto apprezzata dal pubblico teatrale e televisivo. Ha all’attivo
anche diversi film tra cui “ Soldati -365 all’alba ” (regia di Marco Risi, 1987), “ Gole Ruggenti ”
(Pingitore, 1992), “ La Scomparsa di Patò ” (Rocco Mortelliti, 2010), e tanti altri. Personaggio
eclettico e pronto sempre alla battuta, questa volta si cimenta in questo cinquantenne single
forzato ma con la voglia di rifarsi una vita. Ce la fara il nostro eroe ? La risposta la avrete andando a
vedere lo spettacolo che proseguirà la tourneè in alcune città italiane, appena finirà l’emergenza
sanitaria e si potranno riaprire i Teatri.

 

 

 

 

Di Sandro Alessi.
Foto di Paola Lustrissimi.