Categoria: A proposito di donne

Insulti per donne

Gli insulti alle donne sono all’ordine del giorno.Non è sempre stato così, ma non è certo una nuova norma. Se un uomo sbaglia è stupido, delinquente, mascalzone, o altri epiteti più coloriti, se una donna fa qualcosa di male il suo epiteto più gettonato è...

Social
  •  
  •  
  •  

Il corpo abusato : la voce (3)

Siamo alla terza puntata del breve viaggio nel corpo femminile, sul quale passano secoli di costrizioni e di faticosi giochi di potere, per “tenere a bada” le donne. Perché c’è sempre stata questa necessità? Le si considera inferiori o le si teme? Di certo il...

Social
  •  
  •  
  •  

Il nome da sposata

Da tempo un vento maligno per la libertà delle donne sta soffiando sul nostro paese. I dati parlano chiaro, assai più chiaro di qualsiasi opinionista o scribacchino del sociale. I sovranisti vogliono essere sovrani anche in casa. La vicenda delle nuove tessere delle elettrici femmine...

Social
  •  
  •  
  •  

Il corpo abusato – i capelli (2)

Continuiamo il nostro viaggio nel tempo e nello spazio alla scoperta degli abusi fatti sul corpo delle donne da parte di leggi, regole e decreti maschili. Spacciando spesso per protezione quello che invece è  controllo su compagne figlie mogli e sorelle. C’è sempre stato un...

Social
  •  
  •  
  •  

Il corpo abusato – i piedi (1)

Il corpo è l’involucro, quello che mostriamo al mondo, il “fuori”, il biglietto da visita, il lasciapassare. Dal corpo, cioè da ciò che appare di noi, veniamo giudicati, perché è col corpo che ci presentiamo, prima che qualcuno possa sentire la nostra voce, prima che...

Social
  •  
  •  
  •  

l’Europa delle donne

Alle soglie delle elezioni europee, alla Casa Internazionale delle Donne a Roma, domenica scorsa, si è cercato di fare il punto sulla condizione femminile in Italia, uno dei paesi europei più travagliati politicamente negli ultimi anni, un posto in cui una donna muore per mano...

Social
  •  
  •  
  •  

Se guardiamo indietro

Per la rubrica settimanale “A proposito di donne”, ogni tanto ricevo qualche feedback di lettrici. A proposito dell’articolo dell’11 aprile scorso “la donna (non) è (un) mobile”, Armanda mi mi ha scritto un lungo messaggio che riassumo: “Oggi abbiamo parlato di medioevo. Cinquant’anni fa ne...

Social
  •  
  •  
  •  

la donna (non) è (un) mobile

Ci sono decine di modi per guardare la realtà, centinaia. Ce n’è uno fatto di regole innate, succhiate col latte materno, inculcate in giorni, mesi, anni di parole buttate lì da genitori, amici, parenti, insegnanti, fatto di esempi silenziosi e penetranti. E’ molto comune, si...

Social
  •  
  •  
  •  

Spiragli di raziocinio

In questo incedere a balzi sbilenchi che muove la società dei consumi e dei social, una dinamica paurosa verso l’abisso sembrava aver preso il via: lo dimostravano frasi, dichiarazioni, progetti di legge, pensieri tornati indietro di decine di anni. Sembrava essersi messa in moto una...

Social
  •  
  •  
  •  

Il girotondo dei se

Sarebbe bello sapere che non c’è più bisogno di scendere in piazza a urlare che i nostri diritti non vanno toccati, che si può fare un bel girotondo tenendoci per mano tutti, vecchi, bambini, operai, professori, tramvieri, gli intellettuali e gli analfabeti, i neri e...

Social
  •  
  •  
  •  

Misoginia con questionario

Mala tempora currunt, dicevano i nostri progenitori, corrono brutti tempi! Da sempre io aggiungo “sed currunt”… Ovvero, saranno anche tempi brutti, ma se ne vanno, passano. Un’ottica rosa, nell’accezione di “ottimista”. Mala tempora currunt però soprattutto per le donne, se, come sappiamo tutti, quando si...

Social
  •  
  •  
  •  

Fertili cambiamenti

Continuiamo a parlare di donne, e di esternazioni eufemisticamente definibili “poco felici”. Una tra le tante recenti è quella di Manlio Paganella, assessore alla cultura di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, che ha detto: «O si nasce donne fertili o si nasce donne...

Social
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti