Gloria Bell

Esce oggi nelle sale italiane questo remake di un gran bel film del 2013, Gloria, di Sebastiàn Lelio.

Perché il regista cileno (premio Oscar 2018 per Una donna fantastica) ha deciso di cimentarsi nuovamente con un copione e una storia già sperimentati e con successo, a così poca distanza di tempo? Lui stesso racconta che l’idea nasce dall’incontro negli States con Julianne Moore, dal loro immediato reciproco capirsi e piacersi e dai complimenti dell’attrice per quel Gloria di qualche anno prima, film estremamente delicato e forte allo stesso tempo, nei temi e nella realizzazione. In sintesi Julianne dice a Sebastiàn: “Interpreterei Gloria se lo dirigessi tu” e lui risponde “Lo rifarei solo se Gloria fossi tu”.
Spostare dal Cile agli States la storia di questa donna cinquantenne libera nel cuore, madre divorziata e in cerca di nuove esperienze amorose non è stata una rivelazione, l’originale aveva una nettezza e una potenza che qui forse non ci sono, però il film ha una sua bellezza. Julianne Moore è indubbiamente brava e altrettanto lo è il suo nuovo incontro – interpretato con perfetta immedesimazione da John Turturro – simpatico, affettuoso ma troppo impigliato nelle dinamiche familiari e troppo ripiegato su se stesso per scuotersele di dosso all’arrivo del nuovo amore.
Stare nella scia di un’altra vita a Gloria – sia a questa statunitense che a quella cilena – non può più bastare, e tutte e due preferiscono ballare da sole.
Ben recitato, segue il copione del primo Gloria in carta carbone mettendo in luce le difficoltà di una donna che ha deciso di cambiare la sua storia senza drammi e stenta a trovare un compagno nel suo viaggio verso qualcosa di diverso. Una vita esemplare perché uguale a quella di milioni di donne nelle democrazie occidentali, che si barcamenano tra i figli ormai adulti, il corpo che invecchia e la testa e il cuore che restano giovani e desiderosi di affrancarsi da schemi ormai vecchi e già sperimentati e condividere emozioni e sentimenti con l’altra metà del cielo – gli uomini – il più delle volte assente a se stessa.

GLORIA BELL
Regia di Sebastián Lelio
con Julianne Moore, John Turturro, Caren Pistorius, Michael Cera, Brad Garrett.
Titolo originale: Gloria
Genere Commedia
USA, 2018, durata 102 minuti
Uscita cinema giovedì 7 marzo 2019
distribuito da Cinema

Social
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti